Capelli bagnati e mal di gola

 

mal-di-gola-capelli-bagnati

Perché in estate spesso ci si ammala di mal di gola? Il mal di gola è un disturbo comune che può colpire diverse persone a prescindere dall'età oppure dal sesso. Infatti, si tratta di un'infiammazione del cavo orale che generalmente arriva quando l'organismo vuole difendersi da un'aggressione che arriva dall'esterno. In estate, il mal di gola può essere causato dagli sbalzi termici e dalle correnti d'aria.

In generale, quando ci si trova di fronte al mal di gola estivo, bisogna interrogarsi bene sulle proprie abitudini per cercare di capire cosa abbia potuto provocare questo fastidio. Il mal di gola è davvero insopportabile: talvolta, si presenta in casi più gravi anche con la comparsa di decimi di febbre.

In estate, l'infezione alla gola arriva quando non asciughiamo bene i capelli ad esempio, in spiaggia e poi magari, ci infiliamo in ambienti fortemente climatizzati, come gli uffici, i ristoranti, i bar oppure i centri commerciali. In questi ambienti infatti, esiste un'oscillazione di temperatura che varia dai 10 ai 20 gradi rispetto al clima che invece possiamo trovare all'esterno.

Poiché l'organismo non riesce ad abituarsi in maniera abbastanza veloce a questi cambiamenti repentini, allora la presenza di capelli bagnati potrebbe comportare il colpo di grazia per la nostra gola. Lo stesso tipo di problema sorge quando con il cuoio capelluto umido vi sono delle correnti d'aria, magari causate dal vento che arriva dal finestrino dell'auto in corsa.

 

 

Le differenti tipologie di mal di gola

mal-di-gola-estate

Esistono due tipologie di mal di gola: la forma più comune è il mal di gola virale. Si tratta di un’infezione virale spesso associata a mal di testa, gola arrossata. In alcuni casi potrebbe anche comparire febbre lieve. I dolori alla gola possono essere da lievi a forti.

Poi abbiamo il mal di gola batterico che arriva con forte dolore alla gola ed è solitamente associato a febbre alta, gola arrossata, tonsille ingrossate e piene di placche. Che sia virale o batterico, il mal di gola è comunque molto frequente soprattutto se non si fa attenzione a certi particolari.

 

La relazione tra capelli bagnati e mal di gola

capelli-bagnati-mal-di-gola

Quando si sta per troppo tempo con i capelli bagnati (problema più sentito dalle donne che avendo generalmente i capelli più lunghi degli uomini devono attendere più tempo affinchè si asciughino), possono nascere problemi alla gola in quanto i capelli umidi possono causare un cambiamento della temperatura corporea in quanto l'acqua evaporando raffredda la testa. Questo squilibrio di temperatura provoca l'infiammazione del cavo orale, tanto da arrivare ad avere anche dei problemi di grave fastidio nella deglutizione, come può causare anche febbre. E' un tipo di mal di gola virale.

Dunque sinteticamente, anche se all'aperto la temperatura è mite o calda, la conseguenza per coloro che lasciano i capelli bagnati è un raffreddamento continuo dell'organismo e quest'ultimo per contrastarlo sarà costretto ad aggredire l'infezione esterna; avremo così una bella infiammazione del nostro cavo orale con tutti i fastidi che ne comporta.

 

Come si cura il mal di gola estivo

mal-di-gola-estivo-cause

Il mal di gola forte si combatte con i farmaci antinfiammatori. Il più delle volte sono i classici farmaci da banco per combattere l'irritazione ed il dolore. Per mal di gola leggero potrebbe bastare uno spray per la gola, assumere caramelle balsamiche o provare vari rimedi naturali come ad esempio un bel latte caldo miscelato con un pò di miele. È chiaro che quando il problema persiste il medico curante potrebbe optare per l'utilizzo di antibiotici, ma ovviamente solo in caso di mal di gola batterico.

È sempre consigliabile evitare di tenere i capelli bagnati: il monito vale soprattutto per coloro che hanno già doloretti alla gola. E' una cattiva abitudine dura a morire, ma bisogna evitare di lasciarli "annacquati" anche perchè l'umido comporta un raffreddamento dei muscoli e di conseguenza giunge l'infiammazione che può comportare delle tensioni al collo che creeranno ulteriori fastidi. C'è da dire che oltre al mal di gola, il freddo sui capelli comporta anche tutta un'altra serie di problematiche che potrebbero causare anche la comparsa di influenza, più difficile da curare rispetto al semplice mal di gola.

E adesso una curiosità sui capelli bagnati. Quando appunto la nostra chioma è bagnata bisogna stare molto attenti nel pettinare i capelli in maniera energica in quanto si rischia di danneggiarli gravemente. Questo avviene perchè quando sono bagnati, i capelli sono più pesanti e quindi più fragili agli spazzolamenti. Il consiglio è di asciugarli almeno un pò con un panno in microfibra prima di pettinarli. Per tutti gli altri consigli su come mantenere i capelli sani ed in forma consigliamo di spulciare il forum bellicapelliforum.com.

 

 

Vitamina D contro gli sbalzi di temperatura

salmone-vitamina-d

Come già anticipato, in caso di infiammazione del cavo orale le soluzioni sono due: utilizzare i farmaci o affidarsi ai rimedi della nonna. In presenza di mal di gola estivo, è bene precisare che  la vitamina D assunta naturalmente attraverso i cibi è in grado di regolare e normalizzare la temperatura  corporea, migliorando la reazione del nostro organismo all'esposizione a sbalzi di temperatura. Questi sbalzi di temperatura rappresentano ancora una volta terreno fertile per la moltiplicazione degli agenti virali responsabili dei disturbi al cavo orale.

Vitamina D la ritroviamo nel pesce in generale come salmone, trota, sogliola, pesce spada, tonno, alici, sardine, ostriche, gamberi. E poi ancora è presente nelle uova, latte e latticini, grassi animali, funghi, succo d'arancia, cereali e fiocchi d'avena.

fuoco di sant'Antonio

fuoco-di-santantonio

Qual'è il tuo peso ideale?

Stitichezza: le cure

Denti bianchi: il segreto

Cure caduta capelli

Rimedi periartrite

Rimedi colite

Unghie gel e smalto

Rimedi amenorrea

Miglior contorno occhi

Cure per la gastrite

Uveite: cause e rimedi

Demenza senile

Brufoli: come eliminarli

Linfonodi: cosa sono?

Il morbillo