Fastidio alla gola: cause, sintomi, rimedi, farmaci

 

fastidio-alla-gola

Una patologia abbastanza comune che colpisce un po’ tutti soprattutto durante i mesi invernali o durante il cambio di stagione è il mal di gola. Si tratta di un’infezione di origine virale o batterica a carico della faringe, laringe, corde vocali o delle tonsille.

Generalmente questo fastidio alla gola cge chiamiamo anche nodo alla gola o groppo alla gola è di carattere acuto cioè dura da qualche giorno fino ad un massimo di una settimana per poi scomparire. Tuttavia il disturbo può anche essere di carattere cronico ovvero quando perdura per moltissimo tempo.

 

 

I sintomi del fastidio alla gola

fastidio-alla-gola-sintomi-cause

Ma quali sono i sintomi che si avvertono? Scopriamolo immediatamente:

 

Diversi sono i segnali che si possono riscontrare:

 

A seconda dell’entità dell’infiammazione, i sintomi possono essere di carattere lieve ma anche forte quindi da un piccolo pizzicore si può passare nell’arco di breve tempo ad un dolore intenso correlato a sua volta da una difficoltà a deglutire.

Il mal di gola è generalmente più severo al mattino perché il cavo orale durante la notte tende a seccarsi. Quindi quando ci si alza è normale avvertire un forte malessere.

Tuttavia il fastidio che si avverte in gola non è grave e di conseguenza si risolve spontaneamente nel giro di qualche giorno.

 

nodo-alla-gola

Ci possono essere d’altro canto alcune infezioni sia batteriche che virali che portano ad altri problemi gravi, come ad esempio lo streptococco in quanto può innescare a sua volta altre problematiche del tipo:

  • Otite;

  • scarlattina;

  • tonsillite;

  • sinusite;

  • infiammazione a carico dei reni;

  • febbre reumatica che può danneggiare alcuni organi come il cuore.

 

 

Lo streptococco è più comune nei bambini a partire dai 5 anni di età, anche se non si esclude che anche gli adulti possano essere colpiti da questo batterio.

Un occhio di riguardo anche per le donne in gravidanza. Durante la gestazione è normale che l’organismo tende ad indebolirsi, ragion per cui il fastidio alla gola può essere uno dei tanti segni comuni che possono insorgere durante questo periodo particolare.

In caso di comparsa del mal di gola ma senza altri sintomi, non c’è assolutamente da preoccuparsi, perché si tratta nella maggior parte dei casi di una semplice forma virale, tuttavia è sempre aggiornare il  medico sul proprio stato di salute in maniera tale da accordare qualche trattamento specifico in caso di manifestazione di altri sintomi.

 

Fastidio alla gola: cause

groppo-alla-gola

Come è stato illustrato in precedenza le cause principali del fastidio alla gola possono essere di origine virale come ad esempio raffreddore o influenza, o di origine batterica (piuttosto rare) che coinvolgono le tonsille e la gola, ma che solitamente non hanno la capacità di raggiungere i polmoni.

I sintomi correlati a disturbi di origine batterica sono più gravi rispetto a quelli virali, ma in entrambi i casi la sintomatologia tende ad attenuarsi dopo qualche giorno senza arrecare nessun problema importante.

Naturalmente tra le cause annoveriamo altresì cattivi stili di vita, inalazione di sostanze irritanti quali smog, fumo, reflusso gastro-esofageo, mononucleosi, aria troppo secca o troppo umida, vapori irritanti.

Sforzare eccessivamente la voce può essere anche causa di mal di gola.

 

Fastidio alla gola: cosa non fare

fastidio-alla-gola-fumo

Partiamo dapprima da alcuni errori da evitare in modo tale da non peggiorare ancora di più la situazione:

  • Assumere antibiotici senza il consenso del medico: si può ricorrere a tale trattamento soltanto se l’infezione è di origine batterica e non virale;

  • Bere tisane o bevande bollenti: erroneamente a quanto si possa credere, tutte le bevande bollenti rischiano di far peggiorare la situazione perché con il calore la gola tende ad irritarsi ancora di più;

  • Consumare cibi irritanti: ci sono alcuni alimenti soprattutto quelli piccanti che possono incrementare ancora di più il fastidio;

  • Interrompere improvvisamente il trattamento farmacologico: se il medico prescrive una terapia antibiotica e nel giro di qualche giorno si intravedono i primi miglioramenti, non bisogna assolutamente interromperla ma occorre seguire le disposizioni del medico;

  • Fare gargarismi con il limone: sebbene sia considerato un rimedio naturale efficace a tutti gli effetti, in questo caso utilizzarlo per fare gargarismi può risultare controproducente perché si rischia di irritare maggiormente le mucose della gola;

  • Fumare: non bisogna assolutamente fumare o comunque respirare del fumo passivo in quanto crea un effetto negativo

  • Trascurare l’idratazione: è vero che quando si accusa un fastidio alla gola si vorrebbe evitare di mangiare e di bere, tuttavia idratare la mucosa orale si rivela di vitale importanza. La sensazione di gola secca tende così ad attenuarsi e di conseguenza si avvertirà meno dolore.

 

Com'è possibile prevenire il fastidio alla gola?

fastidio-alla-gola-prevenzione

Ci sono tuttavia alcuni accorgimenti che se utilizzati con intelligenza possono prevenire questo fastidio.

La prevenzione dunque, riveste un ruolo fondamentale sia nei bambini che sono fortemente esposti al contagio ma anche negli adulti:

  • Evitare di respirare agenti inquinanti come fumo, smog e polveri;

  • Proteggere la gola con un foulard o sciarpa soprattutto durante i mesi freddi o di fronte a cambi repentini di temperatura;

  • Evitare gli ambienti dove la concentrazione di aria calda è molto alta;

  • Mantenere la gola idratata;

  • Evitare di scambiare oggetti in comune asciugamani, posate, bicchieri;

  • Tossire o starnutire in un fazzoletto di carta per poi buttarlo via;

  • tv, telecomandi, telefoni e tastiere devono essere sempre perfettamente puliti con un detergente disinfettante;

  • Stare in casa per quanto possibile, per evitare di contaminare gli altri;

  • Assolutamente è vietato fumare (come detto in precedenza);

  • se l’aria di casa è tendenzialmente secca, umidificarla con un apposito umidificatore.

 

 

Rimedi naturali per il fastidio alla gola

fastidio-alla-gola-rimedi-naturali-miele-limone

Quali sono i rimedi naturali che si possono prendere in considerazione per attenuare il fastidio alla gola o eliminare definitivamente il problema?

Il ricorso a erbe e rimedi naturali rappresenta la strategia più funzionale per combattere efficacemente il mal di gola. Naturalmente non bisogna attendere che il disturbo possa peggiorare ma occorre agire prontamente.

Grazie all’azione antimicrobica nei confronti di batteri e virus, la propoli grezza si rivela un espediente molto efficiente. Infatti sono moltissime le conferme scientifiche che attestano l’efficacia di questa pianta. In particolar modo la tintura madre grezza ha mostrato un’importante azione antivirale e antibatterica.

Anche lo zenzero crudo ha la sua importanza, in quanto svolge un’azione antinfiammatoria. Attenzione però a non utilizzare quello essiccato perché la situazione potrebbe peggiorare visto che c’è il rischio che lo stato infiammatorio aumenti.

Utilizzare il miele insieme al limone è un altro valido aiuto. In un bicchiere di acqua calda aggiungere qualche goccia di succo di limone e due cucchiaini di miele. Mescolare e bere il preparato ancora caldo, non bollente! Il miele aiuta a lenire il mal di gola mentre il limone a liberarsi eventualmente della presenza di muco.

Ma tra i rimedi naturali rientrano gli oli essenziali puri al 100%. Quelli maggiormente efficaci sono l’olio di menta e quello di timo.

Per quanto riguarda l’olio di menta, può essere impiegato nei gargarismi. Per preparare la soluzione procedere in questo modo: mettere alcune gocce di olio essenziale di menta in 250 ml di acqua tiepida con l’aggiunta di un cucchiaino raso di sale. Mescolare e in seguito procedere con i gargarismi. E’ consigliabile risciacquare la gola più volte al giorno con questo preparato.

Anche la tisana alla menta è un buon coadiuvante per il mal di gola e abbassare la temperatura corporea in caso di febbre alta.

L’olio essenziale di timo invece si potrebbe utilizzare come disinfettante e antisettico. Fare dei suffumigi con questo rimedio si rivela veramente salutare. In una pentola di acqua bollente versare 3 o 4 gocce di olio di timo e respirare profondamente il vapore.

 

Fastidio alla gola: farmaci

fastidio-alla-gola-farmaci

Generalmente utilizzando i rimedi naturali sopra descritti, il problema dovrebbe risolversi nel giro di qualche giorno. Se ciò non dovesse accadere la prima cosa da fare è contattare il proprio medico di fiducia, il quale valutando lo stato clinico del paziente attuerà la terapia più idonea, anche se c’è da dire che quando il mal di gola è di origine virale non sussiste una terapia medica vera e propria.

Generalmente un buon riposo associato ad un’assunzione di liquidi, accelera i tempi di guarigione. A tal proposito è bene bere molta acqua e assumere alimenti liquidi come brodi o zuppe.

Per poter alleviare il dolore e il bruciore si possono utilizzare alcuni farmaci antinfiammatori a base di Ibuprofene o ketoprofene, o in alternativa un analgesico come il paracetamolo (da acquistare in farmacia o anche online risparmiando ad esempio su promozionifarmacia.it).

E’ altamente sconsigliato somministrare l’aspirina soprattutto ai ragazzi di età inferiore ai 16 anni, perché subentra il rischio che possano essere colpiti dalla sindrome di Reye, una malattia rara e pericolosa.

Se il mal di gola è di origine batterica in tal caso occorrerà utilizzare un antibiotico per contrastare i batteri. Naturalmente bisogna seguire scrupolosamente le indicazioni del medico anche se si avvertono i primi miglioramenti dopo qualche giorno. Seguire l’intero corso della terapia è di vitale importanza perché questo aiuta a non far ripresentare nuovamente l’infezione.

fuoco di sant'Antonio

fuoco-di-santantonio

Qual'è il tuo peso ideale?

Stitichezza: le cure

Denti bianchi: il segreto

Cure caduta capelli

Rimedi periartrite

Rimedi colite

Unghie gel e smalto

Rimedi amenorrea

Miglior contorno occhi

Cure per la gastrite

Uveite: cause e rimedi

Demenza senile

Brufoli: come eliminarli

Linfonodi: cosa sono?

Il morbillo