Fumare con  il mal di gola?

 

fumo-mal-di-gola

Premesso che la ‘bionda’ fa male a prescindere, il dubbio amletico di chi non riesce a togliersi il vizio è sempre lo stesso “Fumare o non fumare con il mal di gola?”.

Domanda disperata di chi fa fatica a sospendere ‘il tiro’  anche quando è raffreddato e preso di mira da virus e batteri nel periodo peggiore, quello invernale.

Domanda disperata che, pur ispirando una risposta più che ovvia, dà modo di analizzare meglio che tipo di collegamento esiste tra mal di gola e fumo, ovvero cosa succede quando si continua imperterriti a fumare con il mal di gola, raffreddore e gli altri sintomi tipici dell’influenza.

 

 

Le bionde: fattori di rischio per il mal di gola

fumare-con-il-mal-di-gola

L’infiammazione (e non necessariamente infezione) della faringe, trachea o laringe causa il mal di gola. Paradossalmente, il fumo di sigaretta (attivo e passivo) non soltanto peggiora il mal di gola ma è uno dei maggiori fattori di rischio del mal di gola in quanto va ad irritare le mucose.

Oltre al rischio di un tumore, il fumo può provocare a lungo andare mal di gola cronico e può essere responsabile di bronchite.

Insomma, fumare con il mal di gola o mal di gola perché si fuma? Le bionde mettono a dura prova le vie respiratorie, è meglio ricordarlo.

 

Fumare con il mal di gola o no?

mal-di-gola-da-fumo-sigarette

La risposta è no, assolutamente, perché fumare con il mal di gola andrebbe soltanto a peggiorare l’irritazione, la tosse, il bruciore, il dolore in fase di deglutizione, la secchezza e l’ingrossamento dei linfonodi del collo che infastidisce e rende doloroso ingoiare anche la saliva.

E’ il classico cane che si morde la coda: fumare indebolisce le difese immunitarie, impedisce l’eliminazione di sostanze nocive ed agenti patogeni e non solo rischia di complicare o rallentare la guarigione ma può intensificare i sintomi del mal di gola, la tosse, la pessima sensazione di fastidio e dolore quando si ingoia. Sarebbe bene, quindi, evitare il fumo ma anche bevande e cibi troppo caldi, gli alcolici che potrebbero ulteriormente irritare l’infiammazione. Anche lo smog, condizioni ambientali insane, inalazioni di polveri e vapori irritanti possono contribuire a causare o peggiorare il mal di gola.

Chiarito questo, portate pazienza e concedetevi una pausa finché il mal di gola non sarà passato e scoprite qualcosa di più della correlazione tra mal di gola e fumo.

 

Mal di gola da fumo

sigaretta-mal-di-gola

Fumare con il mal di gola, come abbiamo visto, è assolutamente sconsigliato.

Spesso, il mal di gola non è causato soltanto da virus, batteri, influenza, raffreddore ma proprio dal fumo.

Il fumo di sigaretta (come quello di pipa e sigaro) contiene diverse sostanze (acido cianidrico, acroleina, ammoniaca, formaldeide) che irritano il rivestimento della gola  ed è per questo che rappresenta un rilevante fattore di rischio per faringite e laringite: tale rischio può coinvolgere anche il fumatore passivo.

Chi fuma troppo mette a dura prova l’importante meccanismo che serve a purificare l’apparato respiratorio: trattenendo milioni di particelle di fumo, la gola produce una gran quantità di muco che viene espulso attraverso il colpo di tosse. La tosse di per sé è un sintomo fastidioso eppure serve proprio a pulire il meccanismo di purificazione delle vie respiratorie.

 

 

Sintesi dei danni del fumo

Il fumo da sigaretta, pipa o sigaro:

  • danneggia l’apparato respiratorio;

  • compromette l’apparato muco-ciliare che ha il compito di eliminare gli agenti esterni responsabili di infezioni batteriche;

  • provoca irritazione;

  • incrementa la produzione di muco;

  • causa asma;

  • può far ammalare di bronchite (anche cronica);

  • causa infezioni alle vie respiratorie.

 

Nel peggiore dei casi è causa più frequente di:

  • enfisema polmonare (che degenera in insufficienza respiratoria cronica);

  • tumore della cavità orale, laringe e faringe.

 

Fumare con il mal di gola o mal di gola per il troppo fumare?

sigarette-elettroniche-mal-di-gola

Quando il fumo è il diretto responsabile del mal di gola è preferibile smettere o quantomeno ridurre la quantità di sigarette quotidiane per non cronicizzare il mal di gola col rischio di subire sintomi ancora più gravi, difficili da risolvere in breve tempo.

Esistono tantissimi prodotti e metodi che aiutano a smettere di fumare, si va dai farmaci alle tecniche Yoga, dall'alimentazione specifica alle nuove esigarette (su guideagliacquisti.it trovate una guida completa sul mondo delle sigarette elettroniche). Anche il celebre Dott. Veronesi qualche anno fa affermò che "la sigaretta elettronica è uno strumento di lotta ai tumori".

Se il mal di gola e la tosse persistono oltre una settimana sarebbe il caso di farsi controllare dal medico per indagare sulla causa scatenante e scegliere una terapia mirata (tra cui sospendere il fumo, evitare anche quello passivo o che il fumo di sigaretta ristagni nella stanza e, perché no?, smettere per sempre).

fuoco di sant'Antonio

fuoco-di-santantonio

Qual'è il tuo peso ideale?

Stitichezza: le cure

Denti bianchi: il segreto

Cure caduta capelli

Rimedi periartrite

Rimedi colite

Unghie gel e smalto

Rimedi amenorrea

Miglior contorno occhi

Cure per la gastrite

Uveite: cause e rimedi

Demenza senile

Brufoli: come eliminarli

Linfonodi: cosa sono?

Il morbillo