Mal di gola e tiroide

 

mal-di-gola-tiroide

Può capitare che un normale mal di gola possa celare un’infiammazione alla tiroide. Ma come fare a distinguere le due patologie? Prima di allarmarsi è necessario capire le caratteristiche e se il dolore è dovuto al mal di gola stagionale o se è dovuto all’ingrossamento della ghiandola tiroidea. Il medico di fiducia certamente vi chiarirà la situazione. Inoltre, è importante non sottovalutare il problema, perché la tiroide è una ghiandola fondamentale per il corretto funzionamento del nostro corpo. A forma di farfalla, controlla funzioni essenziali come la produzione di ormoni che raggiungono ogni distretto del nostro corpo e regolano il respiro, il battito cardiaco, la digestione e la temperatura corporea.

 

 

Mal di gola o patologia alla tiroide?

tiroide-e-mal-di-gola

Quando si ha mal di gola, causato da freddo o da allergie, si avverte un fastidio, misto a dolore, durante la deglutizione; questo sintomo dura qualche giorno. Se, però, il male alla gola non passa, potrebbe trattarsi di un’infiammazione alla tiroide.

In questo caso, il dolore è localizzato alla base del collo ed è causato da batteri o virus che inizialmente sono la causa del mal di gola. Infatti, i germi dalla gola possono spostarsi verso la ghiandola tiroidea che aumenta di volume, provocando un gonfiore visibile del collo e l’arrossamento della pelle nella zona coinvolta.

I classici sintomi che denotano un problema alla tiroide sono: la sensazione di un groppo alla gola, un cambiamento nella voce che porta alla necessità di deglutire o di schiarirsi la voce e una sensazione di chiusura della gola.

È importante monitorare la situazione: se il gonfiore alla gola resta visibile anche quando il dolore non c’è più, è opportuno prenotare una visita dallo specialista che in questo caso è un endocrinologo. Valuterà la salute della ghiandola e la sua funzionalità e prescriverà ecografia e scintigrafia alla tiroide e ovviamente, esami del sangue approfonditi, inserendo il valore degli ormoni tiroidei e dell’ormone stimolante la tiroide, cioè il TSH.

È anche vero che chi soffre di una patologia che coinvolge la tiroide lamenta anche altri sintomi come dolori ai muscoli e alle articolazioni, problemi alla pelle, disordini intestinali, caduta dei capelli, cambiamento di peso, problemi mestruali e di fertilità, affaticamento e spossatezza, colesterolo alto, ansia e depressione, sensazione di caldo e freddo.

 

 

Come verificare col tatto se la tiroide è gonfia

endocrinologo

Se soffri dei fastidi elencati alla fine del paragrafo precedente, dovresti palpare la zona del collo così come consiglia l’Associazione Americana Medici Endocrinologi: davanti ad uno specchio guarda la zona frontale e inferiore del collo, appena sopra le clavicole e sotto la casella vocale; la tiroide si trova proprio in quel punto. Il passo successivo è di puntare la testa all’indietro e deglutendo un sorso d’acqua. Nel momento della deglutizione fissa il collo e verifica la presenza di rigonfiamenti. Attenzione a non confondere il pomo d’Adamo con la ghiandola. Il consiglio è di ripetere il gesto più di una volta per verificare correttamente. Se al tatto si sentono sporgenze, consulta subito un endocrinologo che ovviamente valuterà la situazione con professionalità.

fuoco di sant'Antonio

fuoco-di-santantonio

Qual'è il tuo peso ideale?

Stitichezza: le cure

Denti bianchi: il segreto

Cure caduta capelli

Rimedi periartrite

Rimedi colite

Unghie gel e smalto

Rimedi amenorrea

Miglior contorno occhi

Cure per la gastrite

Uveite: cause e rimedi

Demenza senile

Brufoli: come eliminarli

Linfonodi: cosa sono?

Il morbillo