Gola infiammata: cibi da evitare e da preferire

 

gola-infiammata-cibi-da-evitare

Il mal di gola può insorgere in qualsiasi momento, anche se si tratta di un disturbo tipico dell’inverno, dei cambi di stagione o quando sono piuttosto frequenti gli sbalzi di temperatura.

Si tratta di un problema di natura prevalentemente acuta nel senso che tale problematica può durare un paio di giorni o al massimo una settimana, anche se non si escludono casi in cui può risultare cronica, e quindi durare per mesi o per più tempo.

Diversi sono i fattori che possono causare problemi di gola infiammata, ovvero: l’influenza, il raffreddore, la mononucleosi, ma può essere altresì la conseguenza del vizio del fumo, le allergie, l’aria condizionata, oppure l’abitudine di respirare con la bocca aperta mentre si dorme.

 

gola-infiammata-cosa-mangiare

Ma a prescindere dalla causa che ha scatenato tale patologia, è molto importante adottare alcune misure preventive, in maniera tale che l’infezione non degeneri in un problema molto più grave. Quindi a tal riguardo l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale.

Partiamo innanzitutto dai cibi che è meglio evitare quando si manifesta la gola infiammata.

 

 

Gola infiammata: cosa non mangiare

gola-infiammata-insaccati

Non tutti sanno che un’alimentazione sana ed equilibrata è il primo passo per mantenere attive le difese immunitarie poichè possono contrastare i germi nel momento in cui attaccano l’organismo dall’esterno.

Oltre a ciò attività fisica e capacità di gestire lo stress sono altre due componenti fondamentali che possono incidere in maniera significativa sull’organismo.

Ma dal punto di vista del cibo, ci sono in particolar modo alcuni alimenti che vanno evitati in modo tale da alleviare i sintomi e di conseguenza guarire nel giro di poco tempo.

 

Tra i cibi da eludere dal proprio regime alimentare ci sono:

  1. carni rosse ed insaccati

  2. latte

  3. latticini

  4. dolciumi

  5. snack salati

  6. cibi fritti

  7. spezie irritanti

  8. caffeina

 

Partiamo dalla carne: evitare il suo consumo potrebbe apportare benefici non del tutto indifferenti. Secondo alcuni nutrizionisti pare che la carne (soprattutto quella rossa) ostacoli la capacità del sistema immunitario di liberarsi dai germi che causano mal di gola e gli altri sintomi correlati all’influenza.

Per guarire nel minor tempo possibile, prediligere durante la giornata, un buon quantitativo di frutta e verdura.

Il latte e i latticini: questi ingredienti potrebbero incrementare considerevolmente il muco presente nelle vie respiratorie. Escludere dalla propria alimentazione dunque,  latte e latticini potrebbe essere una valida alternativa, così facendo si avrà la possibilità di guarire più velocemente. Al posto del latte si potrebbero preferire succhi di frutta fresca o acqua.

Dolciumi: bevande gassate, dolci confezionati e tutti gli alimenti caratterizzati da un buon quantitativo di zucchero sono assolutamente da evitare durante la malattia, in quanto possono indebolire il sistema immunitario e pertanto il fastidio alla gola perdurerà per diverso tempo. Per placare la voglia di dolce, perché non optare per la frutta essiccata come ad esempio uvetta, fichi, datteri?

Snack salati e cibi fritti: Consumare  degli snack troppo salati o degli alimenti fritti potrebbe aggravare la situazione così come il consumo di cibi troppo piccanti o speziati. Non è possibile curare un’irritazione con pietanze che a loro volta contribuiscono ad incrementarla! Quindi il consiglio è: non solare troppo le pietanze e non utilizzare alcuna spezia durante il decorso della malattia.

In aggiunta sono da evitare spezie piccanti o il caffè per la presenza di caffeina (irritante) e gli alcolici in quanto indeboliscono il sistema immunitario.

 

 

Alimenti da preferire

gola-infiammata-miele-e-limone

Ecco qui di seguito una piccola lista di alimenti che sono da preferire per velocizzare i tempi di guarigione della gola infiammata:

 

  • la banana: si rivela un alimento ideale per la gola in quanto non è acida e in aggiunta non da fastidio quando la si consuma perché è morbida e molto facile da deglutire;

  • limone e miele: uno dei rimedi senz’altro più efficaci per combattere la gola infiammata è la combinazione del succo di limone con qualche cucchiaino di miele. Per preparare quest’utile rimedio occorrono due cucchiaini di succo di limone e un cucchiaino di miele. Per rendere il composto facile da deglutire lo si può diluire in una tazzina di acqua tiepida;

  • tè allo zenzero: per donare sollievo alla gola irritata preparare un buon infuso di te allo zenzero è un’altra valida alternativa, in quanto aiuta a combattere l’infiammazione a carico della gola;

  • salvia: grazie alle proprietà in essa contenuta, la salvia è un ottimo coadiuvante per lenire il mal di gola. E’ una pianta che veniva già in passato utilizzata per risolvere alcuni disturbi e ancora oggi si rivela un buon espediente;

  • aglio e cipolla: entrambi fungono da antibiotico naturale; hanno un’azione espettorante e mucolitica, ovvero aiutano a liberare le vie respiratorie dal muco. Consumati regolarmente in minima quantità donano sollievo alla gola;

  • Limone, aranci, mirtilli, kiwi: tutta la frutta che contiene vitamina C, E ed A funge da potente farmaco naturale contro questa tipologia di problema.

 

In conclusione

gola-infiammata-cibi-da-preferire-alimentazione-corretta

La gola, come del resto tutto l’apparato orale è la porta dell’organismo, pertanto va curata al meglio optando per un’alimentazione sana ed equilibrata, quindi attenzione ai piccoli sintomi che si riscontrano! E’ meglio agire in tempo e non aspettare che la situazione si risolva spontaneamente, perché ci potrebbe volere un po’ di tempo prima che tutto torni alla normalità!

fuoco di sant'Antonio

fuoco-di-santantonio

Qual'è il tuo peso ideale?

Stitichezza: le cure

Denti bianchi: il segreto

Cure caduta capelli

Rimedi periartrite

Rimedi colite

Unghie gel e smalto

Rimedi amenorrea

Miglior contorno occhi

Cure per la gastrite

Uveite: cause e rimedi

Demenza senile

Brufoli: come eliminarli

Linfonodi: cosa sono?

Il morbillo